Make your own free website on Tripod.com
Fratello Pioppo

il Filosofo Zenone: paradossale!

Home
Appunti di viaggio
Hola Compay
LA LETTERA
una domanda sul Tempo
About Me
Favorite Links
Contact Me
I Presocratici
Studio di una sorgente per calibrazioni assolute nel lontano InfraRosso
Italia d'oro

navigazione

Enter here

Visualizzazione ingrandita della mappa

Zenone di Elea (Zénon 495 a.C. 430 a.C.) , fu un filosofo presocratico sulla cui vita sappiamo poco e del cui pensiero conserviamo pochi frammenti.



Delle sue concezioni conosciamo qualcosa grazie soprattutto a quanto è contenuto nel dialogo platonico Parmenide, dal nome del fondatore della scuola eleatica nell'Italia meridionale, ma grazie anche a Diogene Laerzio, che nel suo Vite dei filosofi (IX, 26), racconta della valenza politica di Zenone, il quale avrebbe ordito una congiura contro il tiranno della sua città natale (tale Nearco, o Diomedonte) mentre Aristotele, nel suo scritto Fisica (libri VIII, 8, 263 a 5 sgg.), ne analizza il pensiero, definendo l'eleate "scopritore della Dialettica".



È conosciuto soprattutto per i suoi paradossi formulati sulla base della tesi della impossibilità del moto. Oggi sono conosciuti con il nome di paradossi di Zenone.



Sulle orme di Parmenide, Zenone tenta di affermare - attraverso la dialettica - le teorie di immutabilità dell'Essere, riducendo all'assurdo il suo contrario. Le tesi confutate da Zenone appartengono ai Pitagorici, convinti della molteplicità dell'Essere in quanto numero, e ad Anassagora, suo contemporaneo, primo esponente della teoria dei semi (spermata in greco), chiamati da Aristotele "omeomerie".



Zenone fu un discepolo di Parmenide , con il quale visita Atene e conosce Socrate , e mise al servizio delle dottrine del maestro la sua notevole abilità logica, inventando una serie di argomenti volti a screditare i critici della visione parmenidea dell'universo.

Il movimento, diceva Zenone, risulta diverso a seconda di chi lo osserva, quindi non esiste (come sostanza o come essere). Zenone, in pratica, faceva dello spazio un contenitore vuoto. Come la questione della freccia che non riesce mai a colpire il bersaglio, in quanto resta immobile ad ogni istante, è analoga. Il concetto di tempo che ha Zenone non è quello di una concatenazione indivisibile e unidirezionale di momenti, ma quello di una somma di momenti che si possono suddividere ad libitum nello spazio. Al punto che la freccia non solo non arriva mai al bersaglio, ma, volendo, potrebbe persino tornare indietro!
Ora, se da un lato queste immagini sembrano paradossali; egli parlo' del tempo e anche dello spazio al fine di evidenziare: che in filosofia si può anche credere nell'assoluta relatività dei fatti e delle opinioni e che tale assoluta relatività porta alla follia.

Dall'altro lato dimostrano che l'essere non può essere provato se si rinuncia all'idea di movimento. Un essere senza tempo è anche, in ultima istanza, un essere senza spazio, cioè un non-essere assoluto: un non-essere, si badi, non in procinto di diventare qualcosa, ma un
non-essere che si rifiuta di essere.

come si cambia.....


Sull'elettrodinamica dei corpi in Movimento: A. Einstein

La relativita'....si, si.... proprio la sua: CLICCA per gli scritti di Einstein